1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

Promotori

 

L'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
L'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti trova origine nel Reale Istituto Nazionale voluto da Napoleone per l'Italia all'inizio del XIX secolo. Venne poi rifondato con l'attuale denominazione dall'Imperatore Ferdinando I d'Austria nel 1838. Con l'unione del Veneto all'Italia, l'Istituto fu riconosciuto di interesse nazionale.
La sua configurazione è quella di un'accademia, i cui membri sono eletti dall'Assemblea dei soci effettivi e nominati con decreto ministeriale. Tutte le nomine sono confermate con decreto del Ministro per i Beni e le Attività culturali. L'Istituto, oltre alla ordinaria attività accademica e alle mensili riunioni dei soci, promuove periodicamente manifestazioni di carattere scientifico e umanistico, incontri di studio, convegni, seminari e scuole di specializzazione post laurea e post-doc.
L’Istituto Veneto ha stipulato specifici accordi di collaborazione scientifica e di ricerca con le Università di Padova e di Venezia, e con varie Università e centri di ricerca italiani e stranieri. Eroga numerosi premi e borse di studio al fine di incoraggiare le ricerche su temi di carattere sia storico che scientifico. L'Istituto pubblica una rivista trimestrale e varie collane di studi monografici riconosciuti di particolare rilevanza.
Inoltre organizza convegni di studio, varie scuole di specializzazione post-laurea e seminari scientifici. In particolare si segnalano le iniziative nel campo della storia contemporanea, delle scienze ambientali e per la conservazione della città e della laguna di Venezia. Conserva una ricca biblioteca e vari archivi tra i quali quello di Luigi Luzzatti.
Nel 1999 ha acquisito Palazzo Franchetti prestigioso palazzo gotico sul Canal Grande , che dista solo pochi metri da Palazzo Loredan. Ampiamente ristrutturato tra Otto e Novecento da Giovanni Battista Meduna e da Camillo Boito, è oggi dotato di moderne sale congressi attrezzate con le più aggiornate apparecchiature informatiche e audiovisive. 


Fondazione Musei Civici di Venezia
La Fondazione è stata istituita con delibera del Consiglio Comunale diVenezia il 3 marzo 2008, al fine di gestire e valorizzare l’immenso patrimonioculturale e artistico dei Musei Civici di Venezia. Operativadal 1 settembre 2008, è configurata come una fondazione di partecipazione e haun unico socio fondatore, il Comune di Venezia. Favorisce l’aggregazionedi soci partecipanti, pubblici e privati, che contribuiscono alla vita dellafondazione, sostenendone e condividendone le finalità istituzionali.
Gli organi della Fondazione sono il Consiglio di Amministrazione, ilPresidente, il Direttore, il Comitato scientifico e il Comitato di direzione,il collegio Revisori dei conti.La Fondazione gestisce e promuove un sistema museale ricco, articolato,complesso ed economicamente sano; gode di una totale autonomia amministrativa egestionale – facente capo al Consiglio di Amministrazione –, che consenteagilità operativa, programmazione, una forte e trasparente motivazioneimprenditoriale, un assetto aziendale efficiente e razionale, la capacità diaggregare e reperire risorse.
Da questo sistema non partono solo letradizionali proposte di ogni musealità consolidata (ricovero, conservazione,studio, valorizzazione) bensì uno straordinario insieme di servizi culturalideclinati in diversi aspetti e temi: ricerca, formazione, creatività,specializzazione, tutela, divulgazione, didattica, comunicazione… Alcentro, per tutti, sono la qualità dell’offerta, l’attenzione alla domandasociale, l’alta valenza educativa ed etica, nell’equilibrio economico.