1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Contenuto della pagina

Galanterie di vetro.

Il Risorgimento vetrario di Murano nella collezione de Boos-Smith

17 marzo  - 20 giugno 2010
Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Curata da
Rosa Barovier Mentasti
Promossa da
Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti
Regione del Veneto
Con il patrocinio di
Città di Venezia
Ambasciata di Australia
In collaborazione con
Venezia Iniziative Culturali

La mostra comprendeva oltre 250 pezzi, selezionati e organizzati secondo le diverse tecniche vetrarie: un lavoro di recupero dell'antico 'operato' dell'Ottocento a Murano, quando le filigrane, i millefiori, le avventurine e i calcedoni, ispirati all'arte vetraria rinascimentale e barocca, si caratterizzavano per finezza tecnica, virtuosismo decorativo e audace policromia.
I pezzi provenivano principalmente dal mercato inglese dell'epoca, collezionati da Fiorella e Phillip de Boos-Smith, rispettivamente di origine italiana e australiana e residenti tra Venezia e Sidney: una raccolta emblematica di quel gusto ottocentesco tipicamente inglese che privilegia il colore, la fantasia e la perizia tecnica, portata a volte ai limiti del kitsch.
La mostra è stata un'ulteriore testimonianza dell'impegno dell'Istituto nei confronti dell'arte vetraria. Già nella prima metà dell'Ottocento, tra i Premi d'Industria indetti dall'Istituto per contrastare la crisi economico industriale creatasi dopo la caduta della Repubblica di Venezia, numerosi sono stati quelli assegnati a vetrai, tecnici e imprenditori muranesi, al fine di sollecitare la ricerca e l'innovazione della loro sapiente arte.